Archive for September, 2016

September 22, 2016

Dallo sbrocco di Briatore qualche riflessione meno cafona su Puglia, turismo e quello che vi sta intorno

by felicitamodna82

Proprio mentre terminavo la mia settimana di mare ad Otranto, Flavio Briatore si aggirava nelle stesse zone e lasciava alla popolazione ricordi meno positivi della sottoscritta. L’imprenditore ha rilasciato alcune dichiarazioni che hanno fatto incazzare tutti, a partire da noi fan del Salento non salentini, fino ad arrivare agli autoctoni e a diverse persone che si sono risentite a prescindere per i concetti espressi.

Ora, nelle dichiarazioni di Briatore ci sono sicuramente grosse dosi di cafoneria ed ignoranza, che lo rendono il perfetto protagonista di un cinepanettone. Detto questo, vi sono anche due o tre spunti interessanti che si possono trarre dalle sue parole.

I ricchi non sono tutti uguali

Qui contesto decisamente l’idea del ricco quale cafone privo di interessi che non siano piazzarsi in una struttura in centro e sul mare a far casino e disfarsi. I ricchi, i “normali” ed i poveri sono persone, e come tali sono tutti diversi fra loro. Mi vergogno quasi a scrivere simili ovvietà. Comunque, meglio ribadire anche l’ovvio, lezione imparata insegnando italiano a stranieri.

La Puglia è bellissima, soprattutto il Salento (via ai campanilismi!). Non capisco perché un ricco non dovrebbe essere capace di apprezzare ulivi, masserie, spiagge, scogliere, mare pulito, aria buona, quelle belle stradine fra muretti a secco ed ulivi, in piano o in collina, per le quali io personalmente adoro girare in auto e adorerei farlo anche in bici (essendo però la mia settimana di mare, ho lasciato stare la bici, confesso). O perché non dovrebbe interessarsi a manifestazioni popolari, musei, gastronomia. Oppure perché non dovrebbe semplicemente godersi un po’ di calma e quiete in spiaggia o fra gli ulivi al netto delle preoccupazioni di noi comuni mortali bollettari tout court o a rischio di tornare bollettari. L’essere ricco porrebbe semplicemente meno limiti di spesa.

Sinceramente non capisco come mai Briatore voglia far passare il messaggio che ricco = casinista cafone come lui. OK, self-marketing, convinciamo gli altri che siamo i più fighi…ma rendiamoci conto che certi trucchi del marketing non funzionano con persone con un certo tipo di intelligenza o con persone che conoscono le teorie dei marchettari guru del marketing. A fare di queste uscite si conquisterà forse qualche sempliciotto di tutti i ceti, ma ci si attira solo il compianto degli altri.

Vogliamo un esempio di ricco che sicuramente potrebbe essere interessato a quanto abbia da offrire la Puglia? Mark Zuckerberg, che guarda caso proprio oggi ha annunciato che finanzierà un super-progetto di ricerca sulla cura delle malattie che ci assillano, progetto che porterà sviluppo, benessere e Sapere.

Gli alberghetti (e le infrastrutture): uno spiraglio di ragionevolezza

Sinceramente, per essere una che gira abbastanza in Italia ed in Europa con tutti i mezzi possibili, e che oltretutto fa anche la receptionist (ahimè), posso dire in piena coscienza la Puglia non è messa così male. È chiaro che nel sistema Italia vi sono carenze nei trasporti pubblici e nelle piste ciclabili rispetto all’Europa Centrale e Settentrionale, carenze che al Sud o in certe zone tristissime del Nord e del Centro spesso diventano abissi quasi incolmabili (non facciamo i buonisti, inutile dire che “siamo tutti uguali” quando non lo siamo). In molte zone pure la rete stradale fa schifo. Tuttavia, devo dire che in Salento vi sono molti tratti di superstrada, i cartelli sono ovunque e sono piuttosto chiari, in Puglia ci sono pure ciclabili, porti e aeroporti, nonché stazioni ferroviarie. Si può migliorare? Sicuramente si può e si deve, ma va trovato il giusto equilibrio che rispetti la natura e la fisionomia del territorio. Di territori devastati per costruzioni fatte con poca testa e/o con i piedi ce ne sono troppi in tutto il mondo, così come ci sono occasioni di lavoro mancate a causa di posizioni ultra-ambientaliste per cui se tocchi qualcosa sei un umano cattivo specista bla bla bla.

Gli alberghetti… beh, diciamo che in Italia vi sono ancora troppe strutture che – a prescindere dalle stelle – hanno ancora arredamenti e/o bagni anni Sessanta/Settanta/Ottanta. Orrore. Ci sono anche altrove, intendiamoci…ma altrove si tende di più a buttare via ogni tot tutto quanto per rinnovare l’arredamento ed il bagno. Vivo in Austria da nove anni, paese in cui – assieme al Sud-Tirolo – sono maestri nell’applicare questo approccio alle strutture alberghiere e pure alle case private (solo su questo potrei fare un altro post dedicato 😀 ). Ripeto, non tutti fanno così, ma la maggioranza decisamente. Aspettare che le cose cadano a pezzi è semplicemente demenziale se si è albergatori. Io stessa ho dovuto scartare diverse opzioni appetibili per la posizione ad Otranto quest’anno perché non vado in una camera col bagno anni Settanta: piuttosto sto a casa. Il mio albergo abituale, un bel quattro stelle, era al completo per due notti, e ho preferito non traslocare nel bel mezzo del soggiorno e rivolgermi altrove se possibile.

Questo discorso dovrebbe valere anche per i due stelle. Non è che “due stelle” debba essere legato a “struttura fatiscente”; non è che i poveracci o la sempre meno media classe media si debbano accollare i cessi dismessi dai ricconi, eh! Dovrebbe semplicemente offrire tutto quanto in maniera molto basic. Anni fa sono stata in un due stelle nell’Appennino di quella città che noi modenesi non amiamo nominare, ed era “bello”, nel senso di nuovo, pulito, semplice. Quest’anno sono stata in un tre stelle con camere e struttura degni di un quattro stelle: la stella mancante era dovuta semplicemente al servizio meno ampio e privo di orpelli (che, francamente, delle volte fanno pure ridere. Le livree e certe cose eccessive dei quattro stelle mi sembrano lasciti di epoche fortunatamente finite che non un vero “servizio”, e penserei lo stesso anche se avessi i dindi di Briatore).

Intervenire per migliorare l’offerta complessiva alberghiera è molto più importante dell’aprire resort di super-iper-mega lusso. Sicuramente, ben vengano alcune strutture di alto livello, ci mancherebbe. Teniamo però presente che ci sono ricchi che sono felicissimi di stare anche in un “umile” quattro stelle ben fatto e ben servito.

I limiti dei locali alla Briatore

Non sono una di quelle che depreca un po’ di sano degrado, che – nei limiti imposti dal mio conto in banca e dalle mie altre attività – mi concedo pure io. Tuttavia, dubito molto che strutture di un certo tipo portino veramente sviluppo per i locali. Innanzitutto, un determinato tipo di clientela, specie se ricca e cafona, porta spesso anche danni. Poi, dubito che verranno assunte in massa persone del posto per lavorarci, visto che vengono richiesti solitamente profili di un certo tipo. È più facile che vengano assunte persone che hanno sempre lavorato nel “giro”. Ci sarà sicuramente dell’indotto, eh, però…però…

Cosa realmente serve?

Per me il Salento è uno dei posti più belli del mondo, assieme alle Dolomiti e alla mia natale Modena. Sì, ho detto Modena e non ho detto Salisburgo (nella cui periferia vivo da 9 anni). Il Duomo di Salisburgo fa cagare, e sinceramente Salisburgo è una trappola per turisti ed uno strumento di tortura per chi ci vive, per cui non riesco più a vederla con la poesia di dieci anni fa. Bello il centro storico, belli alcuni quartieri verdi, po’ basta (scritto in modenese per rimarcare il concetto).

Con il cambiamento climatico, pare che la “stagione” in Salento si stia prolungando parecchio. Questo fattore va sfruttato, tanto più che spesso molte famiglie della zona dicono che da ottobre ad aprile fanno veramente fatica a far quadrare i conti a causa della stagionalità vecchio stile di diversi posti di lavoro.

Ricordiamoci anche che le condizioni di lavoro nel turismo e nella gastronomia sono frequentemente davvero tremende (clima, orari, giorni di riposo…). Anche qualora non lo siano, le paghe non sono sufficienti – nella maggior parte dei casi – a compensare il grande sforzo che i lavoratori fanno nel dover lavorare per far divertire gli altri e rinunciare spesso ai loro hobby o dover fare ingegneria del tempo libero per curare le proprie relazioni amicali e familiari. Ogni discorso sul turismo non può prescindere da questo.

Detto questo, ultimare le infrastrutture in fase di progetto, di costruzione o di ultimazione è essenziale, così come effettuare le dovute migliorie a tutte le strutture alberghiere e diversificare l’offerta, senza rovinare o stravolgere la natura ed il paesaggio (ma anche senza irrealistiche pretese di salvaguardia di ogni singolo alberello). Importante è anche tenere meglio le strade, dare un aspetto meno trascurato ai paesi (ogni tanto ho passato vicoli che indurrebbero al suicidio perfino Pollyanna), offrire qualche corsa di treni locali e bus in più.

Ricordiamoci due cose: la prima è che, al di là dell’immagine del ricco che spende e spande, la vera ricchezza di un territorio che si basa sul turismo è data dal mantenere un flusso costante e diversificato di turisti (Austria docet in questo) – le mode passano, e non necessariamente i 15.000 € spesi dal riccone vanno in tasca ai locali -; la seconda è che se si vuole vivere in un mondo che si sta de-industrializzando bisogna investire sul turismo, soprattutto in Italia (ed in Salento), ricordandosi sia dei fruitori, sia degli investitori, sia dei bistrattati lavoratori.

September 22, 2016

Siamo tutti nella rete, tra pompini, cyberbulli, suicidi e dropbox

by felicitamodna82

Condivido tutto, a parte che non mi chiedo proprio se “una” è “troia/puttana”, perché una donna che ama il sesso e lo fa è semplicemente una donna normale. E proprio qui casca l’asino. Di furti digitali o di condivisioni non autorizzate di zozzerie di begli uomini non ne ricordo, quindi ci sono ottime probabilità che non siano mai successi. O, se sono capitati, non vi è stato il linciaggio mediatico con esibizione del proprio autoerotismo che ha accompagnato i casi al femminile. E qui si aprirebbe un’intera parentesi sulla condizione della donna, oltre che sui sacrosanti discorsi sulle modalità d’utilizzo di qualsiasi strumento o mezzo e sulle responsabilità. Discorsi che comunque vanno fatti ed approfonditi anche al di là dei casi di Tiziana e Diletta (e di tante altre povere vittime), visto che anche lavorando mi trovo un sacco di clienti che fanno fatica a capire i contratti che firmano e/o le cose/i servizi che comprano e come ci si comporta nella fruizione di quello che hanno comprato. E no, non vendo servizi sessuali o alla persona! (forse se vendessi me stessa i miei clienti sarebbero molto più attenti…)

Mat Eric's Reflections

Ok, la situazione è questa:
volevo scrivere un pezzo sullo svapo, ispirato a un famoso youtuber.
Gliel’ho promesso, ci tengo a farlo, ma tra gli usuali spostamenti in autostrada, oltre ai miei soliti impegni, sono andato lungo sui tempi.
In più, il comportamento italiota di questi giorni mi sta facendo salire un crimine che mi sta distraendo.

“Cazzotene, vivi la tua vita e pensa alle tue cose”, verrebbe da dire.
Non ci riesco.

Ci siamo dentro tutti, e non è tanto per le conseguenze immediate o dirette che mi viene la rogna mentale, quanto per l’atteggiamento da rincoglioniti di merda che vedo ovunque nella rete, appena c’è quel filo di aggregazione e libertà di scrittura che permette di far venire fuori i pensieri dell’uomo medio.

Una donna muore di pompini, ed è pure colpa sua.
Un Mr. Chissà Chi fotte le foto dal cellulare a una ragazza, le diffonde…

View original post 2,536 more words

September 12, 2016

Stuprare, sì, ma con ironia

by felicitamodna82

Ri-bloggo questo articolo aggiungendovi alcuni miei pensieri che si discostano, in parte, dalla posizione presa nel post-fonte.
Dell’articolo originale apprezzo molto

  1. l’attenzione posta al problema della censura un po’ bizzarra attuata da Facebook
  2. l’astuto paragone con una simile conversazione virtuale su temi sui quali l’uomo occidentale medio è leggermente più sensibile che non sullo stupro delle donne.

Il mio personale pensiero è che…sì, è possibile fare dell’ironia, del sarcasmo, della satira, dello humour nero anche su temi come lo stupro. Su questo mi distinguo fortemente dall’ondata di politically correctness a tutti i costi ed aggressiva che pare aver invaso i social network ultimamente. È essenziale, però, nel farlo, tenere conto della forma, dei modi, del contesto. Se faccio un’uscita sarcastica con un amico con cui ci si conosce, evitando sia di causare equivoci, sia di traumatizzare potenzialmente una persona affetta da PTSD, è un conto. Se pubblico freddure secche a tema su blog dedicati a satira o humour nero, o se le recito in un contesto quale una finzione teatrale, mi dovrebbero leggere/sentire solo gli interessati al genere, e il contesto è chiaro, idem. Se eventuali scrittori poi dovessero essere cripto-stupratori, sarebbe problema della giustizia e non della scure di solito parecchio pasticciona della censura.
Se però in un gruppo di conoscenze virtuali, con sconosciuti, ci si lascia andare a lunghe conversazioni su ipotesi e metodi per stuprare una donna sedata senza farsi beccare, il sospetto che qualcuno stia realmente premeditando un reato c’è, ed è forte, e verrebbe a chiunque. Perlomeno, a chiunque sia dotato di basilari capacità di comprensione di lettura e di fiutare possibili personalità non proprio equilibrate. Nella migliore delle ipotesi, chi scrive di queste cose è qualcuno con una completa ignoranza di quello che era il programma di italiano delle medie e delle superiori dei miei tempi, nonché di come funzionano una società ed uno stato moderni. Nella peggiore, siamo davanti ad un covo di stupratori. Più verosimilmente, mi viene da pensare che vi sia grossa confusione rispetto a cosa siano il consenso, il diritto di tutti i partecipanti ad una scopata di discutere cosa e come fare e di godere, lo status di persona umana (che evidentemente non vale per tutti); una confusione nella quale sicuramente regnano i sopracitati ignorantoni, e probabilmente si nasconde anche qualche stupratore/stupratore in fieri.

Il Maschio Beta

Ieri mattina la pagina Facebook “La Friendzone non esiste” pubblica lo screenshot di alcuni commenti in cui dei ragazzi si chiedono se sia effettivamente stupro quando la ragazza è in stato di incoscienza perché drogata: si scambiano pareri e battute, incuranti dell’oggetto della loro – chiamiamola per il momento così – goliardia, nonché del fatto che una persona, membro come loro di questo gruppo segreto su Facebook, crede di fare cosa giusta denunciando lo scambio alle admin di una pagina femminista.

fb_img_1473425976006La pagina pubblica subito il post, non curandosi di cancellare i nomi degli interlocutori, in quanto ritiene che la gogna mediatica per chi fa battute e scherza su una ragazza in stato di incoscienza penetrata sessualmente non sia che il minimo. Io stesso ritengo di dover pubblicare a mia volta lo scambio sulla mia paginetta, che conta sì molti meno seguaci, ma che a causa delle proteste e delle…

View original post 2,427 more words

September 2, 2016

Why I defend Charlie Hebdo’s cartoon (and why I am angry at another bad joke)

by felicitamodna82
Not-so-important foreword:

I resume my blog, hoping my huge issues with writing will be successfully dealt with in a few months…

What can one do with stereotypes?

Stereotypes and prejudices are widespread, and sometimes serve as a source of inspiration or as basis for humour or satire (please note that, even though there is a relation between those two, they are not the same thing). Right now, politically correctness is challenging many common approaches to humour. This is good in most cases, although I have seen some huge misunderstandings, and also many cases of outright censorship, the latter of which I don’t support. Calling somebody out on his or her implicit support of shit like racism, sexism and co. allows for a discussion on the matter; censorship usually acts more as the broom sweeping the dirt under the carpet than anything else, not to mention that not all politically incorrect jokes are necessarily  a sign of implicit support of racism, sexism, ableism, whatever.

Anyway…

Today, the Italian-speaking internet is roaring and rioting because of Charlie Hebdo’s cartoons about the earthquake in Central Italy (one of the centres next to the epicentre being Amatrice, the town which gave the name to the amatriciana sauce. Yes, this is relevant).

Yesterday, my not-so-humble person found in her Facebook homepage a dumb link, shared by a commercial state-funded Austrian radio station. The link was stating a very racist thing about, well, Italians. I am a poor Italian living in Austria (relevant as well).

Now, let’s review the type of humour, the content, and the source,  and let’s analyse my very different reaction to those links.

Charlie Hebdo and the new Italian speciality

charlie hebdo earthquake

CH’s cartoon: Italian-style seism. All rights to CH itself.

(I am not fluent in French, but I understand it a little: it says “penne with tomato sauce”, “gratin penne” and “lasagne”).

CH’s cartoon hits hard, and I recognize it. After the initial impact, though, my brain immediately connected the menu-like style of the captions to the typical image of Italy abroad so far (Italian speciality: pasta & pizza) and to the sad, recurring episodes of mass murder by community inaction almost every time there is an earthquake in Italy. Considering that the country is full of active faults, considering the last 20 years [I remember Modena-Reggio (Po plain) 1996, Assisi and co. 1997?, Parma-Reggio-Modena (mountain districts) 2008, l’Aquila 2009, Modena-Ferrara (Po plain) 2012], considering the costs for modernising/restoring/rebuilding cannot be covered by sig. and sig. ra Average Italian, and considering that money in Italy gets thrown out of the window in every possible way except by funding interventions in this sense, well, I think the evil satiric magazine hit the right spot.

Right now, the new Italian speciality is going to be wounding and killing Italian citizens by letting their houses collapse on them, not pasta (or pizza, for all that matters). Bravo, Charlie Hebdo. I read the cartoon like this and I appreciated it. (now I fear I will discover they did not mean it like that and I will be publicly stoned. Not “stoned” the funny way, the other).

Please note that the same magnitude of the above mentioned earthquakes in, say, Japan would not have had all the casualties, the damages and the homeless people we  had.

I appreciated the Italian black humour and satire blog Umore Maligno even more. Following the wave of indignation, they published:

Emilia-Romagna protests against CH’s cartoon: “Hey, the lasagne would be US!””

They made fun of the very strange indignation of some who have been Charlie for as long as only certain targets were targeted, or who spread sexism every single day “because it’s funny”; they got the point with lasagne being from Emilia and the amatriciana sauce from Amatrice; they might have reminded many readers that people in Modena and Ferrara still live in containers (or maybe they just wanted to get more clicks and squirted out some words nobody could ignore? Another stoning for me).

Now, making fun of the dead is bad, bla bla bla, yadda yadda. But these are declared satirical publications: they exploit sarcasm and black humour, and sometimes they even make people think about things. Like in this case. I see no disrespect towards victims, because there really is none. They are depicted as victims even here. Please note that I suffer from PTSD, and one of the things that triggers it is an earthquake. I experienced the 1996 and the 2008 ones, and my closest relatives and friends were hit by the 2012 one, some of them even hard, so spare me the “you don’t know what you are talking about”.

Moreover, Charlie Hebdo clearly still depicts the earthquake victims as victims. I would not say they lacked humanity, after all.

And even if all this does not convince you, it is satire, you either like it or not. I asked my friends to make a black humour and satire contest in case I die…so I’d say I like it. If you don’t, don’t like it, but please don’t make them responsible for the victims and don’t promote shootings (yes, some people are wishing those religious idiots come back and finish the job).

Ö3’s way of using my radio licence money in order to make people even dumber than they already are.

Ö3 is a state Austrian radio station broadcasting commercial stuff. Many of us usually follow it in order to get some news and traffic updates, but apart from a few specials I don’t listen to it.

For some reasons I got to read this in my newsfeed:

italiener

People speaking 3 languages: trilingual. People speaking 2 languages: bilingual. People speaking only one language: Italians

Now, why did Frau Ratti get angry at this?

  1. Ö3 is funded by all Austrian residents, even if they are not Austrians. Especially if they are not Austrians.
  2. It is not like the level of the contents they usually publish is particularly high or educational (understatement of the year. Hint:” Frag das ganze Land”), but supporting stereotypes and prejudices is very, very bad. It gets even worse when many people find it amusing, and many others increase the fun by adding that the French are worse.
  3. Partially a corollary of no.1 and no. 2, they are actually supporting people living in Austria to perpetuate what I call “the velvet discrimination” against Italians in Austria. We are not Muslims and we don’t get the hatred and the suspicion other groups get, but somehow too many people approach Italians with ideas stuck in their heads such as we don’t speak languages, we are adorable and trendy stupid people, we are lazy, we are always late (because stupid and lazy), we are only good for working in gastronomy, and many other things. You don’t know what I mean if you haven’t experienced it. I have been often discriminated because I am Italian, and the fact that it is not a hateful or violent discrimination does not make it a discrimination any less.
  4. They are not making satire or use sarcasm; they don’t want to create paradoxical situations where humour is not just meant as a means to laugh because the paradox itself emerges and makes you question the real issue behind the joke. They are not making extremely tasteless jokes for shock value on a blog followed only by fans of the genre. They are not even Italians criticizing what’s wrong in the Peninsula. They seriously think they are funny (and cute because they spend their holidays in Italy).

I will leave out the fact that bashing at a numerically relevant community is quite stupid, because I simply don’t approve that a state radio station supports discrimination (soft or hard, does not matter), spreads it (they obviously have some good coverage), and uses everybody’s money to do it. The size of the targeted group should not be a criterion for accepting a discriminating joke or not.

My answer was:

ö3 comment

Only two likes for my sarcasm. That speaks volumes…

Translation: “All right. Now I hope that I – being a trilingual Italian woman – will be exempted from paying TV and radio licence fee from now on, because there is no way I pay it in order to fund the dumbing down of the current population”.

Ach, I thought I was sooo funny…

 

 

%d bloggers like this: